TECNICHE DI PESCA | SPINNING | DRIFTING | TRAINA | ANCORATI

SPINNING ESTREMO AL TONNO ROSSO E LIGHT SPINNING A LAMPUGHE, TOMBARELLI ED ALLETTERATI

Parlando di spinning estremo entriamo in un mondo in cui l’adrenalina è il pane quotidiano. In questa tecnica non esistono veterani, dato il suo recente sviluppo. Le grandi mangianze di tonni sempre più frequentemente obbligano i banchi di sarde a risalire in superficie, creando scene apocalittiche con gabbiani che si gettano nell’acqua imbiancata dalle schienate dei pesci. Situazioni del genere hanno rapito l’immaginario dei pescatori che dapprima in traina con artificiali, poi con canne da vertical lanciando pesanti jig, sono finalmente approdati (grazie anche alle esperienze di chi poteva cimentarsi nella pesca ai tropici) allo spinning estremo al tonno rosso. Questa tecnica si può praticare in gran parte dell’anno, infatti a differenza di alcuni anni fa in cui i tonni si vedevano solo nel periodo autunnale, da un paio di anni vengono avvistati anche in inverno e primavera, rendendo il periodo molto più ampio e richiamando sempre più appassionati. L’azione di pesca verrà svolta partendo alle ore 08.00 dal porto, navigando sulle rotte dei nostri comandanti che ci porteranno nelle zone più calde. Avvistata la mangianza, il compito del comandante sarà quello di portarci alla dovuta distanza dai pesci. L’angler effettuerà il lancio e se la fortuna ci assiste.. è adrenalina a palla! Il combattimento terminerà con la consueta foto di rito e, dopo averlo ossigenato, con il rilascio del pesce, nel rispetto delle norme vigenti. Il rientro è previsto per le ore 16.00 in porto. Con la tecnica dello spinning è possibile, con i dovuti adeguamenti, catturare anche lampughe, alletterati e tombarelli, che nei mesi estivi e autunnali ci regaleranno delle belle emozioni.

Le uscite verranno effettuate con barche da 7 mt.

Rimborso spese. Sono compresi: carburante, comandante, snack, pranzo al sacco.

GLI ORARI SOPRA INDICATI SONO PURAMENTE INDICATIVI IN QUANTO LE CONDIZIONI METEO POTREBBERO COSTRINGERCI AD UN RAPIDO RIENTRO O AD UN RITARDO D’USCITA.

H.S.F.A. mette a disposizione degli associati su loro richiesta e gratuitamente l’attrezzatura specifica per la tecnica di pesca che si andrà ad affrontare (messaci a disposizione dalla Old Captain), dando così la possibilità a tutti di cimentarsi con le varie tecniche anche non disponendo dell’occorrente. 

DRIFTING AL TONNO ROSSO

Anche definita con il nome di Big Game, è quella tecnica che si rivolge ai pesci più grandi, quelli che spesso (ma non sempre) dobbiamo cercare a grande distanza da terra, e per questo definita “pesca d’altura”. Il Big Game si identifica nella “sfida” tra uomo e pesce, adeguando sempre più le nostre attrezzature allo standard dei pesci che, seppur negli ultimi anni sono aumentati di numero, hanno ridotto le loro dimensioni. ‘Ridotto’ è ovviamente un termine riferito ai giganti di 300 kg che popolavano i nostri mari negli anni ’80/’90 e che obbligavano gli anglers all’uso di canne molto potenti e fili con diametri spaventosi, nonché combattimenti seduti in sedia. Oggi le cose sono notevolmente cambiate. L’azione di pesca viene svolta con canne da 30/50 lb, e fili e terminali molto sottili, per insidiare quei “tonnetti” di 60/80 kg, che seppur di dimensioni notevolmente inferiori, con questa attrezzatura mettono a dura prova il pescatore, il quale non si ritroverà più seduto in sedia ma in stand up, cioè in piedi e imbracato con il corpo alla canna, sulla quale il pesce scaricherà tutta la sua potenza. L’uscita a drifting occuperà l’intera giornata, con partenza alle ore 08.00 e rientro alle ore 16.00 in porto. Si fileranno tre canne innescate con della sarda e si effettuerà una scia di pasturazione, che verrà intercettata dai tonni, i quali la risaliranno fino alle nostre insidie (speriamo). Il combattimento verrà effettuato in modo sportivo, con alternanza dell’angler in canna per permettere a tutti di assaporare la potenza di un pesce del genere, e terminerà con la consueta foto di rito ed il repentino rilascio, nel rispetto delle norme vigenti. È una tecnica che possiamo svolgere tutto l’anno, con periodi migliori, che verranno consigliati dai nostri comandanti.

Rimborso spese. Sono compresi: carburante, comandante, pastura, esca, snack, pranzo al sacco.

GLI ORARI SOPRA INDICATI SONO PURAMENTE INDICATIVI IN QUANTO LE CONDIZIONI METEO POTREBBERO COSTRINGERCI AD UN RAPIDO RIENTRO O AD UN RITARDO D’USCITA.

H.S.F.A. mette a disposizione degli associati su loro richiesta e gratuitamente l’attrezzatura specifica per la tecnica di pesca che si andrà ad affrontare (messaci a disposizione dalla Old Captain), dando così la possibilità a tutti di cimentarsi con le varie tecniche anche non disponendo dell’occorrente. 

TRAINA COSTIERA CON IL VIVO

E’ una delle tecniche che caratterizzano i nostri charters, particolarmente apprezzabili per la bellezza dei luoghi, che si contraddistinguono per alla presenza di cigliate a picco sul mare, alternate a piccole calette di ghiaia fine. La pesca che andiamo ad effettuare sarà costituita da un’uscita mattutina di buon’ora per reperire l’esca viva, che verrà messa nella vasca del vivo e ci accompagnerà al fatidico momento dello strike. Sonderemo gli spots che i nostri comandanti riterranno più adeguati, andando alla ricerca di prede quali: serra, spigole, e le grandi leccia amia, che nel periodo estivo popolano il sotto costa. La durata dell’uscita comprende tutta la giornata, con partenza alle ore 08.00 dal porto, e rientro alle ore 16.00. Verranno utilizzate barche agili della lunghezza di 7,00 mt.

Rimborso spese. La quota comprende: carburante, comandante, snack, bibite e pranzo al sacco.

GLI ORARI SOPRA INDICATI SONO PURAMENTE INDICATIVI IN QUANTO LE CONDIZIONI METEO POTREBBERO COSTRINGERCI AD UN RAPIDO RIENTRO O AD UN RITARDO D’USCITA.

H.S.F.A. mette a disposizione degli associati su loro richiesta e gratuitamente l’attrezzatura specifica per la tecnica di pesca che si andrà ad affrontare (messaci a disposizione dalla Old Captain), dando così la possibilità a tutti di cimentarsi con le varie tecniche anche non disponendo dell’occorrente. 

TRAINA COSTIERA CON IL VIVO

Fra le varie tecniche impiegate dalla barca, il light drifting è la pesca per eccellenza che vanta forse il maggior numero di praticanti, poiché per la sua semplicità e redditività può essere effettuata a tutte le latitudini e per gran parte dell’anno. In base al tipo di preda che vogliamo insidiare, possiamo praticare questa pesca ancorati (sgombri, sugherelli, lanzardi, palamite), o in scarroccio (mormore, gallinelle, triglie, ecc.). Pescando ancorati, effettueremo una pasturazione continua per intercettare i banchi di pesce azzurro in passaggioe trattenerli sotto la nostra barca. A questo punto fileremo le canne, e il divertimento sarà assicurato. Le uscite saranno di mezza giornata (7.00-11.00) (14.00-19.00)

 Rimborso spese (minimo 2 persone). Sono compresi: carburante, comandante, pastura, esca, snack.

GLI ORARI SOPRA INDICATI SONO PURAMENTE INDICATIVI IN QUANTO LE CONDIZIONI METEO POTREBBERO COSTRINGERCI AD UN RAPIDO RIENTRO O AD UN RITARDO D’USCITA.

H.S.F.A. mette a disposizione degli associati su loro richiesta e gratuitamente l’attrezzatura specifica per la tecnica di pesca che si andrà ad affrontare (messaci a disposizione dalla Old Captain), dando così la possibilità a tutti di cimentarsi con le varie tecniche anche non disponendo dell’occorrente. 

Chiudi il menu